Siberia Mistica

Quando si nomina la Siberia, inevitabilmente il pensiero si spinge verso la grande ferrovia che l’attraversa oppure per i tetri campi di lavoro durante l’epoca di Stalin.
Eppure la Siberia, letteralmente “terra che dorme”, non è solo una terra immensa ed indefinita, ma ricca di fiumi leggendari, deserti senza tempo e dolci colline coltivate.
Con questo tour si andranno a conoscere le più di cinquanta etnie indigene che abitano in questa terra incontaminata: ognuna con le proprie tradizioni, la propria lingua e religione, tanto che per le popolazioni autoctone più numerose sono state create repubbliche autonome
ad hoc, dotate di proprie leggi e statuti speciali.

1° - 2° giorno ITALIA – MOSCA - BARNAUL

Partenza dall’Italia per Mosca con voli di linea. Arrivo all’aeroporto e proseguimento con il volo di linea per Barnaul, capitale della regione dell’Altai. Arrivo a Barnaul, definita l’angolo più culturale della Siberia, in mattinata e trasferimento in albergo.
Tempo a disposizione per un po’ di riposo e nel pomeriggio visita guidata del centro storico di epoca zarista e dei memoriali sovietici di Barnaul.
Pensione completa e pernottamento in hotel

3° giorno TOPOLNOJE 

Partenza in direzione dei monti dell’Altai per la visita guidata presso un caseificio tradizionale. Proseguimento per il villaggio di Topolnoje, abitato dagli “antichi credenti”: una setta religiosa russa che segue ancora uno stile di vita antico, dove sarà possibile cenare e ammirare i balli e i canti della tradizione.
Pensione completa e pernottamento in guest house tradizionale

4° giorno DENISOVA – Valle di KARAKOL 

Al mattino partenza per la visita delle pitture rupestri delle caverne di Denisova, i cui scavi hanno portato alla luce manufatti che testimoniano la presenza di ominidi a partire da 280.000 anni fa. Proseguimento attraverso la splendida valle di Karakol, considerata un luogo sacro. In serata incontro con il kaichi (sciamano-cantante locale) per un concerto di canto di gola accompagnato da strumenti musicali nazionali come il topshur e il komyz.
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

5° giorno Valle del KARAKOL – CHUYSKIY TRAKT: KALBAK-TASH - KUPCHEGEN

Al mattino continuazione attraverso la Valle del Karakol, con una sosta al Monumento alla Marmotta, il roditore che, grazie alla sua carne, ha salvato la popolazione locale durante le carestie della Seconda Guerra Mondiale. Proseguimento lungo Chuyskiy Trakt, la splendida strada che collega la Russia alla Mongolia. Previste piccole soste a Kalbak-Tash, famoso per i petroglifi e Kupchegen, villaggio tradizionale altaico.
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

6° giorno KYZYL-CHIN – KOSH-AGACH – Parco Nazionale SAYLYUGEMSKY

Proseguimento lungo Chuyskiy Trakt, attraverso la Steppa Kurai e le montagne colorate di Kyzyl-Chin, che nella lingua ufficiale dell’Altai significa “scogliera rossa”. Continuazione, passando per la steppa Chuya, verso l'insediamento di Kosh-Agach, per la visita del mercato pieno di merci di contrabbando dalla Mongolia e della tradizionale moschea di legno della comunità kazaka locale. Al termine proseguimento fino al Parco Nazionale Saylyugemsky, importante riserva per la protezione
del leopardo delle nevi e dell'argali,
la pecora selvatica asiatica.
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

7° giorno KYZYL KHAYA

Dopo la colazione, partenza con fuoristrada 4X4 verso il massiccio montuoso di Mongun-Tayga, in direzione della Repubblica di Tuva. Arrivo nel tardo pomeriggio a Kyzyl Khaya, sperduto villaggio tuvino e primo avamposto di civilizzazione dopo il lungo viaggio off-road.
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

8° - 9° giorno AK-DOVURAK - CHADAN

Partenza verso il selvaggio West della Repubblica di Tuva, dove trascorre due giorni in compagnia di nomadi e cavalli semi-selvatici, ammirando i grandiosi paesaggi della regione. La prima tappa è Ak-Dovurak, un surreale costrutto urbano: palazzi sovietici, statue comuniste e monumenti buddisti persi nelle steppe.
A seguire Chadan, una città tradizionale tuvina famosa per la sua peculiare cultura ippica.
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

10° giorno KYZYL

Trasferimento a Kyzyl, capitale di Tuva, una graziosa cittadina sovietica con un sapore mongolo unico: templi buddisti, monumenti e architetture socialiste, interessanti musei, case degli sciamani e bazar esotici.
Nel pomeriggio opportunità di assistere a spettacoli di khuresh (wrestling) e khoomei (canti di gola): manifestazioni davvero affascinante
di antiche tradizioni e rituali mistici.
Pensione completa

11° giorno Escursione a ERZIN

Dopo colazione partenza per Erzin, dove si potrà ammirare il Dus-Xol, un lago salato, il canyon del Durgen, il monte Teve-Khaya a forma di cammello e le dune di sabbia di Tsugeer Els.
Possibilità di incontrare pastori di cammelli nomadi e allevatori di cavalli tuvini. In serata ritorno a Kyzyl. Pensione completa

12° giorno Riserva naturale di ERGAKI

Dopo colazione partenza verso la riserva naturale di Ergaki. La giornata sarà dedicata ad una totale immersione nella natura attraverso splendidi paesaggi montani, laghi cristallini e foreste vergini.
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

13° giorno ABAKAN

Partenza verso nord ad Abakan, la capitale della Repubblica di Khakassia, una regione autonoma di lingua turca della Siberia, con un’affascinante cultura che ruota attorno alla disciplina sportiva dell’equitazione, dei rituali sciamanici e della poesia nomade. Visita nel pomeriggio di Abakan e del suo vivace bazar.
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

14° giorno KRASNOJARSK

Partenza per Krasnojarsk, la terza più grande città siberiana, per la visita della centrale elettrica lungo il percorso: una meraviglia dell’ingegneria sovietica localmente conosciuta come la diga dei 10 rubli.
Pensione completa

15° - 16° giorno KRASNOJARSK - IRKUTSK

Trasferimento in aeroporto e volo di linea da Krasnojarks a Irkutsk. Due intere giornate dedicata alla visita di Irkutsk e dei i suoi palazzi nobiliari di fine Ottocento e del Zhamensky Monastery, un grazioso monastero ortodosso. Breve giro in barca al tramonto sul fiume Angara.
Pensione completa e pernottamento in hotel

17° giorno KHUZIR – Lago BAJKAL

Trasferimento in auto e speedboat a Khuzhir, situato nell'isola di Olkhon, la più grande (nonché l'unica abitata) isola del lago Bajkal. Negli ultimi anni si è sviluppato anche il turismo dovuto soprattutto alla sacralità dell'area nota un tempo come culla dello sciamanesimo siberiano. Uno dei siti più interessanti dell’isola, infatti, è sicuramente la Roccia dello Sciamano
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

18° giorno UST-BARGUZIN – Lago BAJKAL

Trasferimento in speedboat attraverso il Lago Bajkal per Ust-Barguzin, tradizionale villaggio Buriato sulla sponda orientale del lago. Giornata dedicata all’esplorazione del lago posto sotto la tutela dell'UNESCO come Patrimonio dell’Umanità nel 1996. Il Baikal fa parte della lista delle Sette Meraviglie della Russia ed è il lago d'acqua dolce più profondo del mondo.
Pensione completa e pernottamento in guesthouse tradizionale

19° - 20° giorno ULAN UDE – MOSCA - ITALIA

Partenza per la capitale della Burazia, Ulan Ude, dove si trova una statua gigante raffigurante la testa di Lenin, che domina la piazza centrale ed è alta quasi 8 metri e pesa circa 42 tonnellate.Visita della città: il Datsan Rinpoche, il Buryat State Academic Opera, l’Holy Trinity Cathedral, l’Ethnographic Museum, il Victory Park e molte vecchie case russe ed edifici sovietici.
Nel pomeriggio visita dei villaggi di Ivolginsky e Atsagat. Trasferimento all’aeroporto e volo per l’Italia via Mosca.

Contattaci

Vuoi richiedere maggiori informazioni o richiedere un preventivo, farci delle semplici domande, non esitare a contattarci. Ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

[recaptcha id:CAPTCHA]